“La prima volta che sono nata”. Il viaggio alla scoperta della vita

“La prima volta che ho aperto gli occhi, li ho subito richiusi. Ho pianto. Poi delle mani mi hanno sollevata al cielo e mi hanno posata tra due montagne di latte. Ho smesso di piangere e ho aperto gli occhi per la seconda volta nella mia vita. Ho visto la luce più dolce del mondo: erano gli occhi di mia madre”. 

la-prima-volta-che-sono-nata-vincent-cuvellier-charles-dutertre-sinnos_h_partbSi nasce, si cresce e crescendo si scopre. Quella della vita è la scoperta più emozionante, una scoperta che passa attraverso tante prime volte.

“La prima volta che sono nata” è un libro che, pagina dopo pagina, permette di ricordare piccoli momenti che hanno fatto parte della vita di ognuno di noi. Raccontato con parole semplici che fanno emozionare o ri-emozionare. Ogni pagina è una prima volta, descritta ed illustrata con tratti semplici ma ben definiti.

“La prima volta che mi hanno fatto una coccola, impossibile sapere chi sia stato. Mamma mi stringeva contro il suo petto, papà stava chinato su di me. Ricordo soltanto che mi piaceva molto e che avrei voluto continuasse a lungo. Ho avuto fortuna, è continuato a lungo”.

Nina è la protagonista della storia e attraverso i suoi occhi si ripercorrono le tappe di vita di ognuno. Un libro per bambini che parla a gran voce agli adulti, a quei grandi che, spesso, non si fermano a ri-pensare e ad emozionarsi.

“La prima volta che sono andata in bicicletta senza rotelle, sono andata anche senza occhi, senza mani, e senza papà”.

Tante parole ed immagini che non si fermano alla fanciullezza di Nina ma che regalano anche l’emozione del suo diventare donna e mamma.

“La prima volta che ti ho vista, eri tu che tenevi gli occhi chiusi ed io ero il mare”. 

Un libro che leggerete tutto d’un fiato perché ad ogni pagina sentirete l’emozione e la voglia di rivivere cose passate o scoprire tutto ciò che ancora la vita può riservarci e regalarci, per la prima volta.


Vincent Cuvellier , Charles Dutertre, La prima volta che sono nata” , Ed. Sinnos

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...