Montessori: ordini e gradi nella presentazione del materiale

“Un bambino che dimostra il desiderio di lavorare e di imparare deve essere lasciato libero di farlo”. M. Montessori

images

Nell’applicazione pratica del metodo occorre conoscere le serie di esercizi che devono essere presentati al bambino in successione, a sua volta ogni esercizio presenta una progressione.

Nella “Casa dei Bambini” si iniziano a mostrare agli stessi svariati esercizi contemporaneamente. Di seguito verranno illustrati i gradi della presentazione del materiale nel suo insieme.

Il primo grado comprende esercizi di vita pratica: muovere le sedie in silenzio, trasportare oggetti, camminare in punta di piedi e le allacciature; ed esercizi sensoriali con i cosiddetti incastri solidi; questi vengono presentati con la seguente progressione: a) incastri della stessi altezza e di diametro decrescente; b) incastri decrescenti in tutte le dimensioni; c) incastri decrescenti solo nell’altezza.

Il secondo grado in merito agli esercizi di vita pratica comporta: l’alzarsi e il sedersi in silenzio, spolverare, versare acqua da un recipiente in un altro. Si richiede inoltre al bambino di camminare sul filo. In riferimento agli esercizi sensoriali si presenta al bambino materiale di dimensioni e lunghezze differenti, prismi e cubi.

Il terzo grado, racchiude esercizi di vita pratica, esercizi sensoriali ed esercizi di movimento.

I primi includono il vestirsi, il lavarsi e lo spogliarsi, la pulizia degli ambienti e il mangiare correttamente usando le posate; i secondi riguardano il disegno ed il cosiddetto “esercizio del silenzio”. A questi infine si aggiungono esercizi di movimento che consistono nel controllo dei movimenti camminando sul filo.

Nel quarto grado gli esercizi di vita pratica vanno via via ad assumere una gradazione di difficoltà maggiore. Al bambino è richiesto di apparecchiare la tavola, lavare le stoviglie, ordinare la stanza ecc… Si aggiungono a questi gli esercizi di movimento: marce ritmiche ed analisi dei movimenti.

Seguono esercizi di disegno, alfabeto, aritmetica ed infine in questo grado vi è l’ingresso dei bambini in Chiesa.

Al quinto grado a tutti gli esercizi di vita pratica dei gradi precedenti si aggiungono: le cure fini di toeletta personale e la pulizia dei denti e delle unghie. Segue l’apprendimento delle forme esterne sociali come il saluto. Acquarelli e disegni, scrittura e lettura di parole, prime operazioni di aritmetica scritta, lettura di parole scientifiche, geografiche, storiche, biologiche e geometriche. In questo quinto, ed ultimo, grado della presentazione del materiale si intende inoltre sviluppare la lettura attraverso particolari grammaticali accompagnati da giochi.

“Nella stessa classe dovrebbero trovarsi insieme bambini di tre età: i più piccoli che spontaneamente si interessano al lavoro dei più gradi e imparano da loro. Un bambino che dimostra il desiderio di lavorare e di imparare deve essere lasciato libero di farlo anche se il lavoro è fuori del programma regolare, il quale è indicato soltanto per la maestra che inizia una classe”.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...