Quando la pedagogia incontra lo sport

“Cari genitori se siete venuti per vedermi giocare ricordatevi che l’allenatore ha il compito di allenare, l’arbitro di arbitrare e io di giocare. Divertitevi anche voi! Il vostro compito è quello di incitare la mia squadra, non pensate ai consigli tecnici, non urlate, mi mettete in confusione. Non insultare l’arbitro e gli avversari, sono ragazzi come me. Ricordate che ho il diritto di sbagliare. Perdere non è una tragedia, state sereni. Godetevi la partita”.

c9d9w5b0d3j1

Il legame tra sport ed educazione è possibile, oltre che necessario, un legame questo che nasce quale risultato di un progetto e di una consapevolezza critica.

Una valutazione equilibrata deve cominciare con il sapersi distanziare dalle facili posizioni negativistiche e riduttiviste nei confronti dello sport: è necessario allontanare l’idea che lo sport sia un’attività priva di contenuti mentali reali, una pura esaltazione fine a se stessa. Il recupero educativo dello sport è possibile solo se si eliminano quei caratteri di egoismo, spettacolarità e professionismo che lo allontanano dal modello ideale del gioco.

Educare nello sport e con lo sport è una strada da percorrere.

Ciascuna forma di sport contiene la sua intrinseca perfezione e può quindi contribuire alla costruzione formativa della personalità individuale e collettiva del soggetto.

E’ indispensabile collocare l’educazione sportiva in un ampio orizzonte, che non escluda dalla rilfessione pedagogica le famiglie di quell’alto numero di giovani che praticano discipine sportive. In questi casi lo sport risulta spesso ideato, diretto, promosso ed organizzato dagli adulti, i quali, a loro volta, non costituiscono certo un insignificante elemento problematico del quadro educativo inerente lo sport. Si tratta infatti di passare in molti casi da una situazione in cui è l’adulto stesso a rappresentare un elemento di difficoltà ad una nella quale egli si pone come una vera e propria risorsa.

Il messaggio che deve essere diffuso consiste nel far presente che l’organizzazione pedagogica dello sport deve affrontare anche una prospettiva di formazione nei confronti degli adulti in quanto è evidente il fatto che è l’adulto sigificativo, sia esso genitore, allenatore o dirigente, ad orientare e controllare la struttura motivazionale con cui i giovani si approcciano all’attività sportiva.

Non di rado le aspettative degli adulti possono provocare importanti deformazioni, come un’esasperata ambizione di successo, il desiderio di rivalersi delle proprie frustrazioni, il sovvertimento della scala morale dei valori, l’alterazione dell’approccio naturalemente ludico all’attività e la ricerca mascherata di protagonismo.

E’ per questo che è necessario badare al ruolo dell’adulto nella costruzione dell’evento sportivo perchè nello sport dei giovani non si riportino quelle modalità negative presenti nello sport professionistico di alta performance.

Ne viene, allora, la necessità di prevedere azioni formative ben finalizzate: educare ad una cultura critica dello sport, educare informalmente a riflettere sulle potenzialità dell’educazione informale uscendo dagli approcci pedanteschi e sostanzialmente moralistici e preparare a sapere, a vedere ed a ragionare di sport, considerando tutto ciò non una perdita di tempo.

Sarebbe opportuno pensare ad ore di sport per i bambini accompagante da ore formative per i loro genitori: ore nelle quali la pedagogia possa incontrare lo sport smontando così le sbagliate credenze degli adulti che spesso si annidano nelle loro aspettative. Un lavoro quello del pedagogista che ha il compito di far riflettere i genitori portandoli a riflessioni che, forse, se non accompagnati, non sarebbero emerse. Da non dimenticare è anche la necessità di non marginalizzare il ruolo di mediatore che il genitore deve rivestire, mediatore di emozioni, bisogni, ambienti e relazioni.

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...