“Vi ho scritto una lettera”: la lettera del maestro Manzi ai suoi alunni

“Non rinunciate mai, per nessun motivo, sotto qualsiasi pressione, ad essere voi stessi”. A. Manzi

142055779-718cea71-3866-4502-8b88-66590a3aad4b

Cari ragazzi,

questo è il nostro ultimo giorno di scuola. Abbiamo camminato insieme per un intero anno, abbiamo cercato, insieme, di capire questo nostro magnifico e stranissimo mondo, non solo vedendone i lati migliori ma infilando le dita nelle sue piaghe perchè volevamo capire se era possibile fare qualcosa, insieme, per rendere il mondo migliore.

Abbiamo cercato di vivere insieme nel modo più felice possibile.

Ora dobbiamo salutarci.

Non rinunciate mai, per nessun motivo, sotto qualsiasi pressione, ad essere voi stessi. Siate sempre padroni del vostro senso critico e niente potrà farvi sottomettere. Ricordatevi che mai nessuno potrà bloccarvi se voi non lo volete. Nessuno potà mai distruggervi se voi non lo volete. Perciò avanti, serenamente, allegramente, con quel macinino del vostro cervello sempre in funzione, con l’affetto verso tutte le genti e gli animali e le cose che è già in voi e che deve sempre rimanere in voi. Con onestà, onestà, onestà e ancora onestà, perchè è questa la cosa che manca oggi nel mondo e voi dovete ridarla. E intelligenza e ancora intelligenza e sempre intelligenza, il che significa prepararsi, il che significa riuscire sempre a comprendere, il che significa sempre riuscire ad amare. E amore, amore e amore.

Se vi posso dare un comando eccolo, questo io voglio: realizzate tutto ciò ed io sarò sempre con voi.

E ricordate, se qualcuno o qualcosa vorrà distruggere la vostra libertà, la vostra generosità, la vostra intelligenza, io sono qui, pronto a lottare con voi, pronto a riprendere il cammino insieme, perchè voi siete parte di me ed io di voi.

Ciao bambini.


da: “Non è mai troppo tardi”: la storia di Alberto Manzi

2 pensieri su ““Vi ho scritto una lettera”: la lettera del maestro Manzi ai suoi alunni

  1. nando castro ha detto:

    che bei pensieri di Alberto Manzi. cerchero di non perdere la mia consapevolezza di rimanere in sintonia con la forza della imagilnazione per arrivare oltre le mie capacita fisiche. la logica ci dice di arrivare ma la imaginazione ci porte oltre i limiti dei quali siamo capaci. Poi ce i vincoli di amore, lealta, armonia che ci acompagnano in tutti i momenti. e bello sentirse come le dichiarazioni di questo filosofo o escritore. grazie dell invito. Nando

    Mi piace

  2. mattinascente ha detto:

    Bellissima! Ce ne vorrebbero di maestri così, non tanto per il profondo messaggio, quanto per il coraggio di averlo espresso, trasmesso. Spesso chi educa, in questo periodo, sembra quasi timoroso dei propri valori. Sembra meglio un insignificante grigio che un definito bianco o nero e questo, penso, porti insicurezza nei ragazzi, impossibilità di ribellarsi per mancanza di “paletti” ben definiti e, di conseguenza, di creare la propria personalità.
    Grazie per averla pubblicata. Buona giornata.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...