I giorni della merla. Una storia da raccontare ai più piccoli

“Se son freddi, la primavera sarà bella, se son caldi la primavera arriverà tardi” Il tempo per i più piccoli è qualcosa di  astratto e difficile da cogliere ma insegnare loro ad orientarsi nel tempo è un obiettivo educativo fondamentale. Questo implica l’insegnare loro anche alcune peculiarità che caratterizzano alcuni dei suoi momenti. Le storie,Continua a leggere “I giorni della merla. Una storia da raccontare ai più piccoli”

“Sono io nato per educare?”: sull’ultimo episodio di maltrattamenti a scuola

“Perchè è proprio così: lo strumento del chirurgo è la mano quello dell’educatore è il cuore” Questa mattina mi sono svegliata con una di quelle notizie che non vorrei mai leggere. Una di quelle storie che non vorrei mai condividere, ma sono storie che incontrano ancora troppo silenzio e troppa superficialità per non essere raccontate.Continua a leggere ““Sono io nato per educare?”: sull’ultimo episodio di maltrattamenti a scuola”

Educare nel bosco: quando l’educazione incontra la natura

“In questo piccolo pezzo di mondo non è vietato sporcarsi, non è vietato salire sugli alberi, non è vietato urlare di gioia o saltare nelle pozzanghere, non è vietato ridere a crepapelle” Nel bosco i bambini si muovono tra gli alberi, inventano dal nulla, giocano con i materiali naturali, imparano l’uno dall’altro in un ambienteContinua a leggere “Educare nel bosco: quando l’educazione incontra la natura”

A te bambina speciale

“L’educazione è cosa di cuore” Giovanni Bosco Oggi ho guardato gli alberi del parco giochi e mi sono accorta che si sono riempiti di foglie. La prima volta che ti ho presa per mano e ti ho portata in quel parco gli alberi erano spogli. Era l’inizio dell’autunno. Era l’inizio della mia nuova vita. EraContinua a leggere “A te bambina speciale”

“Bruchi e farfalle”

“Bisogna allenare l’occhio a non vedere il bruco ma la farfalla che verrà”. “Le farfalle non si allevano. Se si vuole vederle volare in giardino bisogna piantare fiori, creare cioè le condizioni favorevoli. Non si può integrare una persona disabile in modo diretto, magari con un atto amministrativo: bisogna crerare le condizioni affichè il disabile,Continua a leggere ““Bruchi e farfalle””

Se sei lì solo per insegnare gli studenti non imparano niente

Gli studenti non aprono, se prima non bussi. Enrico Galiano Non ne azzeccano una, se non si sentono liberi di sbagliare. Non ti danno niente, niente più dei compiti fatti e delle paginette studiate a memoria, se vedono che tu fai lo stesso. Se non ci metti niente di più del sederti lì e fareContinua a leggere “Se sei lì solo per insegnare gli studenti non imparano niente”

Fare scuola anche fuori dalle aule: l’outdoor education

Sono i bambini che saltano in una pozzangghera il sogno della nuova pedagogia che faccia della nostra scuola un cantiere dove sperimentare il senso di libertà. Negli anni ’60 Don Milani, nella sua scuola di Barbiana, era solito tenere  le sue lezioni fuori dall’edificio scolastico. Fu lo stesso Don Milani a volere una piscina antistanteContinua a leggere “Fare scuola anche fuori dalle aule: l’outdoor education”

10 principi educativi montessoriani

“Se v’è per l’umanità una speranza di salvezza e di aiuto, questo aiuto non potrà venire che dal bambino, perchè in lui si costruisce l’uomo” M. Montessori Se un bambino non ti invita a farlo non toccarlo Non parlare mai male del bambino (mai) Rafforzare e aiutare lo sviluppo di ciò che è positivo EssereContinua a leggere “10 principi educativi montessoriani”

Montessori: ordini e gradi nella presentazione del materiale

“Un bambino che dimostra il desiderio di lavorare e di imparare deve essere lasciato libero di farlo”. M. Montessori Nell’applicazione pratica del metodo occorre conoscere le serie di esercizi che devono essere presentati al bambino in successione, a sua volta ogni esercizio presenta una progressione. Nella “Casa dei Bambini” si iniziano a mostrare agli stessiContinua a leggere “Montessori: ordini e gradi nella presentazione del materiale”

I Ragazzi Felici di Summerhill

“I bambini non hanno bisogno di insegnamenti, ma di amore e comprensione. Per essere naturalmente buoni hanno bisogno di sentirsi approvati e liberi”. Alexander Neill Alexander Neill, pedagogista scozzese, ha fermamente sostenuto che per crescere un bambino felice, e prepararlo a essere un adulto sano, il metodo da adottare è quello della libertà. Neill, dopo anniContinua a leggere “I Ragazzi Felici di Summerhill”